SIGNORI: LA CAMPAGNA ELETTORALE

Ci siamo. Si comincia a sentire il rumore delle lame strisciate l’una contro l’altra per aggiustare il filo e renderlo più efficace.

Si cominciano a delineare le prime candidature, i primi volti, le prime alleanze.

Le salette più nascoste dei ristoranti spoletini, hanno prenotazioni lunghe.  Tutto occupato fino al 9 giugno. L’economia ricomincia a girare quindi.

Bastava poco.


E così cominciamo a vedere partiti che danno l’impressione di non essere un blocco compatto.

Incontriamo tante liste civiche.

Riconosciamo tanti volti che eravamo abituati ad associare ad un mondo diverso da quello della politica, ma ci si abitua a tutto.

Poi comincia anche a farsi vivo chi, rimanendo al suo posto nella cosiddetta “Società Civile“, una posizione la prende e sceglie il cavallo su cui puntare e disprezza quello degli avversari.

Lo dicevo io che questo è il periodo migliore. Il più divertente per gli elettori.

Dice: “Ma dopo”?

Dico: “Eh, dopo si vedrà”.

Per ora apprezziamo queste piccole emozioni date dai primi segnali di una campagna elettorale per le amministrative di Spoleto, che ci mette un po’ a partire, ma che forse non sarà facile fermare. Manco dopo l’eventuale ballottaggio.

Avoja a parlare di città unita.

Adesso ci si mena e forte. Poi penseremo ai progetti, allo sviluppo, magari pure al futuro, come da altre parti in giro per il mondo stanno cominciando già a fare.

Certo, perché comunque capire come, chi si propone per governare la città, immagina Spoleto fra qualche anno, sarebbe interessante e aiuterebbe a scegliere.

E anche conoscere cosa serve per avvicinarsi a quell’obiettivo che ricordo, appartiene a tutti, non sarebbe male.

Dice: “Allora ricominciamo con idee, progetti, speranze, fondi, capacità”?

Dico: “Beh, perché no? Tanto le altre opzioni ormai le abbiamo provate quasi tutte”.

Dice: “Sarebbe anche ora di andare verso la qualità e la fantasia”.

Dico: “Abbè”

Un caffè

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €1,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.