COME VA?

Mah. Che ti dico? Facciamo che va bene dai.

Dice: Sì, ma ti vedo triste … sbaglio?

Dico: Boh, no, triste non direi. Magari un po’ moscio.

Dice: Come mai?

Dico: Sai, la campagna elettorale di questi giorni fa emergere un carattere delle persone che mi avvilisce.

Dice: Di che parli?

Dico: Ma no, niente. Così in generale. La gente che si appassiona ad emozioni del momento. Si accende in grandi sorrisi appena incontra personaggi che stanno più spesso in TV che a ciacolare con gli amici, o a cercare di risolvere pace e fame nel mondo.

Ecco, questo desiderio di contatto e a volte anche di emulazione, da parte di persone che stimo, verso altre persone che invece emotivamente sento meno vicine, mi scialisce un po’ l’umore.

(“Scialita” è l’acqua gasata sbattuta fino a far andare tutto il gas).

Dico: Ti ricordi che io ho speso molta parte della mia vita in un mondo, quello dello spettacolo, dove meccanismi che intrecciano popolarità, tifo, emozione e vita normale, sono all’ordine del giorno no?

Dice: Certo che mi ricordo. (C’ero anch’io).

Dico: Ecco, io non ho mai trovato interesse, anzi, meglio, non mi sono mai emozionato perché mi ritrovavo a cena con personaggi da rotocalco o da trasmissione TV di prima serata.

Pensa che non ho manco una foto insieme a questi. E pensare che erano il massimo del cinema, del teatro e pure della televisione.

E francamente mal sopporto la debolezza di alcuni amici che invece apprezzano molto questi velocissimi momenti di contatto con un mondo che ritengono lontanissimo dal loro.

Dice: Sì, va bene. Tutto bello, ma che c’entra con le elezioni?

Dico: C’entra c’entra, come che c’entra? Adesso che tutti chiedono voti, è il momento di attivare le migliori amicizie per portare qui in città il personaggio.

Questo funziona più dell’idea buona. Della proposta innovativa, della trovata diversa che porta lavoro e sviluppo.

Il personaggio acchiappa di più.

Dice: Ma che mi dici … sei sicuro? Se è così è brutto!

Dico: Ma è brutto sì. Certo che è brutto. Idee ci vogliono. Proposte. Energia. Voglia di crescere … no?

Dice: Certo. E stasera chi arriva in piazza dalla televisione per raccontare queste idee?

Dico: Ma che pigli per il culo?

Dice: E non mi guardare così.

Che pensi che sei meglio di me perché conosci persone famose e io no?

DiceDico: Ma vattene vah!!!

Un caffè

Seleziona il metodo di pagamento
Informazioni Personali

Totale Donazione: €1,00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.