L’ORA LEGALE E LA MARCIA SU ROMA

Il 28 ottobre si cambia. Le lancette dell’orologio vanno spostate indietro di un’ora per tornare all’ora solare.

Il momento in cui fa notte prima e noi ci rendiamo conto grazie al buio, che l’estate è definitivamente andata e ci vorranno mesi prima di vederla spuntare di nuovo.

Chissà se chi ha scelto questa data l’ha fatto pensandoci, ma il 28 ottobre è anche l’anniversario di quella volta che gli italiani “marciarono su Roma”.

Era il 1922 e il Re autorizzò l’ingresso nella capitale dei fascisti, che si andarono a prendere il futuro del Paese.

Intanto Mussolini stava a Milano al Teatro Manzoni (oggi di proprietà di Berlusconi) per assistere ad uno spettacolo.

Solo quattro giorni dopo sarebbe arrivato a Roma viaggiando in vagone letto, quando gli giunse la reale assicurazione che ormai il danno era fatto e il Duce poteva stare tranquillo.

In confronto a quei giorni e a quelli che seguirono, il buio dell’ora solare fa ridere.

Ma molti atteggiamenti di questo 2018, fanno invece riflettere.

E sarebbe il caso di farlo. Riflettere potrebbe aiutarci veramente.

Buone passeggiate sulle foglie d’autunno.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.