SPID TROPPO DIFFICILE?

Forse non tutti abbiamo avuto modo di rifletterci, ma i social media sono macchine molto complesse.

E non penso all’aspetto sociale, commerciale o simili: penso proprio alla gestione tecnica di un sistema creato per ospitare milioni o anche, come nel caso di Facebook, miliardi di utenti.

Eppure, anche se gestiscono miliardi di accessi il loro utilizzo è veramente semplice.

Ci si entra senza problemi, ci si registra con facilità e anche l’aspetto della sicurezza è gestito con una grande forza.

Insomma macchine complesse, facili da usare.

Il loro utilizzo è pure gratuito. Certo poi ci profilano per i loro scopi commerciali, ma se volessimo potremmo anche gestire le nostre informazioni garantendoci un po’ di riservatezza.

Se solo lo volessimo.

Allora mi domando: ma come mai l’utilizzo dello Spid è così complicato?

Come mai un anziano o anche un utente poco scafato entra senza difficoltà in Facebook, ma se volesse controllare invece la sua posizione sul sito dell’Inps deve per forza chiedere aiuto a qualche professionista o a un Caf?

E la stessa difficoltà si incontra pure per navigare nella maggior parte dei siti pubblici.

Come mai?

Non sono capaci i gestori dei siti?

Serve che tutto sia difficile?

Se è facile poi gli uffici con a volte anche personale annoiato non servono più?

Troppo facile farli facili?

Come mai?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.