CORRERE MANTIENE GIOVANI?

Albert Einstein pensa di sì. Correre secondo lui aiuta a mantenersi giovani.

Ma bisogna correre forte.

Incontro sempre più spesso persone, amici o anche semplici conoscenti, molto, forse troppo, interessati alla mia salute e alla mia forma fisica.

Dovresti dimagrire“. “Fai attenzione a non mangiare troppo“.

E pensare che per avere questi consigli, fino a qualche tempo fa andavo da un professionista che pretendeva anche di essere pagato per la sua consulenza e per fornirmi indicazioni sulla dieta da seguire.

Ma chi ha bisogno del dietologo quando si hanno amici come i miei?

Poi con il tempo, la platea delle persone che si interessano alla mia salute si è allargata.

Sono arrivati quelli che mi suggeriscono di iniziare un’attività fisica costante per migliorare la mia salute che per il momento, sembra non avere particolari problemi e speriamo si mantenga così per lungo tempo.

Questi nuovi amici mi consigliano di correre.

Scarpette, abbigliamento adeguato, un cronometro al polso e via di corsa, seguendo un programma sempre più intenso.

Correre mantiene giovani“.

Lo dicono in tanti, ma l’idea che sia il movimento a fare bene, forse non è corretta.

No.

Ho fatto una piccola ricerca e mi sono imbattuto nella Teoria della Relatività di Albert Einstein.

Ecco, secondo il pensiero del grande scienziato che ha affrontato argomenti a cavallo fra la fisica e la filosofia, è la velocità a mantenere giovani. (Paradosso dei Gemelli).

In maniera impercettibile se la velocità è bassa, molto evidente invece, se la velocità si avvicina a quella della luce, quando tempo e materia subiscono delle compressioni e dilatazioni.

Allora se uno corre va bene.

Se corre veloce va meglio.

Se corre velocissimo, meglio ancora.

Facile no?

Quindi per mantenersi giovani conviene andare molto veloci. Puntare direttamente alla velocità della luce.

Altro che corsette in campagna.

Correre sì, va bene, ma bisogna andare forte forte.

Ma… Occhio al cuore eh!

E qui il Paradosso dei Gemelli spiegato da Piergiorgio Odifreddi.

[give_form id=”481″ display_style=”button” continue_button_title=”paradosso”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.