FESTIVAL: THROUGH THE GRAPEVINE

Al Teatro Romano. Temperatura gradevole. I due danzatori portano in scena una infinita serie di considerazioni sul corpo umano e sulla sua simmetria verticale.

Momenti divertenti sottolineati dalle grandi risate dal mio sconosciuto vicino in platea, alternati a momenti più riflessivi, ma anche loro raccolgono le stesse risate dello stesso spettatore.

Il lavoro fatto va apprezzato, come anche la fatica per portarlo in scena.

Non è il caso di fare nessun confronto su quanto altro è successo ogni anno su quel palco magico. Il palco del Teatro Romano.

I due giovani danzatori ce la mettono tutta e riescono a colpire l’interesse degli spettatori che alla fine tributano loro un lunghissimo applauso.

Bravi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.